Veltroni Forever

Ci sono persone , in questa epoca, ma forse in tutte le epoche, di cui la società non riesce a liberarsi : si fanno notare , hanno successo , poi meno , alla fine lasciano e pensi che sia finita così.

Invece no, te le ritrovi che sono rientrate dalla finestra , che risalgono dall’altra parte della collina , senza vergogna : perchè dico senza vergogna? Per la famosa teoria della consapevolezza.

Di che si tratta? La parola vuol dire saper coniugare i concetti in modo da farsi un’idea piu’ o meno esatta di come stanno le cose . Se sono consapevole che il mio successo si e’ esaurito con il termine di una stagione politica , che mi sono ripromesso di occuparmi di volontariato nei paesi disagiati, che sono nate altre istanze e altri personaggi, che la gente ne ha piene le palle (uso il termine tecnico) di vedere il mio viso, ergo mi metto in un angolo a riflettere e a completare il mio ciclo vitale .

Sto  parlando di Veltroni , una volta star politica , poi interprete principale dell’ipocrisia di sinistra al grido di …”ma anche”, ed oggi regista , scrittore , giornalista , tuttologo , moralizzatore ,coscienza .

set del film Bambini in Italia regia di Walter Veltroni

Non passa giorno che non venga annunziata una nuova performance del  nostro uomo dal viso in perenne commozione, e tutte hanno una caratteristica fondamentale: sono tutte finanziate dallo Stato , o da qualcuno che poi si fa finanziare dallo Stato.

Veltroni è una tassa che gli operatori di sinistra , cui lui ha fatto guadagnare miliardi, devono pagare prima o poi , e che condividono con Rai o con qualche festival , indipendentemente dal fatto che il prodotto editoriale veltroniano sia del tutto privo di interesse per il pubblico. A lui è consentito tutto , grazie alla sensibilità che lo contraddistingue, filmati, fiabe, serie, inchieste, lungometraggi, libri….!!! Si ho detto proprio libri !!!!!

Veltroni alla Feltrinelli con Cazzullo per il libro «Quando»

D’altra parte alcuni di coloro che sono stati beneficiati dal politico sono ancora ai vertici delle istituzioni, perche’ come si sa la destra ha il complesso di essere rozza e priva di cultura e pertanto con l’appoggio di Gianni Letta ha preferito allearsi con la sinistra per non avere critiche motivate.

Alemanno era perseguitato da Repubblica e il giornale ha smesso di attaccarlo quando lui ha nominato dove poteva persone di sinistra , tanto non erano quelli gli affari di cui preoccuparsi.

Cosi’ è la vita, e tanto vale armarsi di pazienza e sopportare i Veltroni di turno, ce ne sono altri che gli somigliano abbastanza, pensando che le cose importanti sono altre e che un film scadente, un documentario scadente ,un programma scadente o un lavoro scadente, in Italia non creano  alcuno scandalo ma semplicemente rientrano nella media.

 

Michele Lo Foco

Generated by IJG JPEG Library

Autore dell'articolo: redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *