Il racconto cinematografico come esperienza di finzione del tempo – Pt.3

Per una proposta semio-pragmatica   «La semio-pragmatica è un modello di (non-) comunicazione che presuppone che non avvenga mai trasmissione di un testo da un emittente ad un ricevente ma un doppio processo di produzione testuale: l’uno nello spazio della produzione e l’altro nello spazio della lettura. Il suo obiettivo è di fornire un quadro […]

Il racconto cinematografico come esperienza di finzione del tempo – Pt.2

L’esperienza temporale cinematografica «Il tempo è la sostanza di cui sono fatto. Il tempo è un fiume che mi trascina, ma io sono il fiume; è una tigre che mi divora, ma io sono la tigre; è un fuoco che mi consuma, ma io sono il fuoco» J.L. Borges, Nuova confutazione del tempo Il narratore […]

Il racconto cinematografico come esperienza di finzione del tempo

Un’introduzione «Che cos’è dunque il tempo? Se nessuno me lo chiede, lo so; se voglio spiegarlo a chi me lo chiede, non lo so più. E tuttavia io affermo tranquillamente di sapere che se nulla passasse non ci sarebbe un passato, e se nulla avvenisse non ci sarebbe un avvenire, e se nulla esistesse non […]

Arrival

Dal Canada ogni tanto arrivano sorprese davvero pregevoli e non mi pento di svelare così l’opinione positiva sul film già in apertura della recensione. Faccio invece ammenda per aver snobbato le precedenti opere del Quebecoise Denis Villeneuve, classe 1967, come “Sicario” e “Prisoners” ad esempio, perché non c’è solo mestiere nella regia, ma anche un originale […]