LA REUNION MONDIALE AL CINEMA con PRINCE – SIGN O’ THE TIMES

A un anno dalla scomparsa di Prince, arriva nelle sale Il film concerto, in versione rimasterizzata, diretto da PRINCE: pseudonimo di Prince Rogers Nelson il nome deriva dalla band dove il padre suonava, ovvero i “Prince Rogers Trio”.

Il 1987 è anche l’anno in cui Prince di “Sign o’ the times” realizza un film concerto, che mette in modo eloquente quale fossero la carica vitale, la forza d’impatto musicale e il carisma da vero mostro da palcoscenico, tra sound, luci,scenografie e atmosfera, sostenuto da una band nuova di zecca e in grado di padroneggiare qualsiasi situazione (come la ballerina Cat Glover, la tastierista Boni Boyer, il bassista Levi Seacer Jr., il chitarrista Miko Weaver, la batterista Sheila E. e il tastierista Dr. Fink, già membro dei Revolution). Dopo aver conquistato la vetta delle classifiche con la colonna sonora del film “Purple rain” (1984), aver pubblicato a seguire il suo album più colorato e variopinto “Around the world in a day” (1985) e concluso la trilogia dei Revolution con l’album “Parade” (1986), colonna sonora del film “Under the cherry moon” nella quale è contenuta una sua hit planetaria, “Kiss”; un appuntamento per celebrare un talento irripetibile, un concerto a 30 anni di distanza del folletto di Minneapolis un metro e sessanta di carica esplosiva, da non perdere sul grande schermo il 21 e 22 Novembre e da conservare (se ci sarà) il DVD nella proprio videoteca personale, da guardare nei giorni “down” e prendere al posto di una tachipirina o un efferalgan.


Penso sia difficile rivedere un tale fenomeno nel corso dei prossimi anni, unico e inimitabile.

Autore dell'articolo: GIovanni De Santis

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *