Il Sindaco del Rione Sanità

un film di MARIO MARTONE

con FRANCESCO DI LEVA, MASSIMILIANO GALLO, ROBERTO DE FRANCESCO, ADRIANO PANTALEO, DANIELA IOIA, GIUSEPPE GAUDINO, GENNARO DI COLANDREA, LUCIENNE PERRECA, SALVATORE PRESUTTO, VIVIANA CANGIANO, DOMENICO ESPOSITO, RALPH P, ARMANDO DE GIULIO, DANIELE BASELICE, MORENA DI LEVA con l’amichevole partecipazione di ERNESTO MAHIEUX

ARRIVA AL CINEMA IL FILM EVENTO DI MARIO MARTONE DAL CAPOLAVORO DI EDUARDO DE FILIPPO

Dopo la presentazione in Concorso alla 76. Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia, FILM EVENTO AL CINEMA solo il 30 settembre e l’1 e 2 ottobre

Antonio Barracano, “uomo d’onore” che sa distinguere tra “gente per bene e gente carogna”, è “Il Sindaco” del rione Sanità.

Con la sua carismatica influenza e l’aiuto dell’amico medico amministra la giustizia secondo suoi personali criteri, al di fuori dello Stato e al di sopra delle parti.

Chi “tiene santi” va in Paradiso e chi non ne tiene va da Don Antonio, questa è la regola. Quando gli si presenta disperato Rafiluccio Santaniello, il figlio del fornaio, deciso a uccidere il padre, Don Antonio, riconosce nel giovane lo stesso sentimento di vendetta che da ragazzo lo aveva ossessionato e poi cambiato per sempre.

Il Sindaco decide di intervenire per riconciliare padre e figlio e salvarli entrambi. Mario Martone porta al cinema Il sindaco del rione Sanità di Eduardo De Filippo con un film di forte attualità capace di raccontare l’eterna lotta tra bene e male.

Con Il Sindaco del rione Sanità Mario Martone partecipa per la seconda volta di seguito in concorso ufficiale alla 76. Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia.

Dopo aver messo in scena a teatro, nel 2017, il capolavoro di Eduardo De Filippo dirigendo Francesco Di Leva nei panni del Sindaco e gli attori della Compagnia del Nest di Napoli, Martone ne realizza l’adattamento cinematografico, dando vita a un film di forte attualità e capace di raccontare l’eterna lotta tra il bene e il male.  

Comunicato stampa Nexo Digital

Autore dell'articolo: staff

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *