Il cinema e le associazioni… in libertà

Al Ministero della Cultura (MIBACT) non spira una buona aria: nuovo D.G., legge che non funziona, soldi che non arrivano, burocrazia al massimo. Il cinema è in panne e gli incassi sono ai minimi storici, ma nessuno lo dice, men che meno le associazioni e in particolare Anica. C’è poi APT che ha deciso di far concorrenza ad Anica e si chiama ora APA. Perché limitarsi ai televisivi?

Mario Turetta Direttore generale cinema al MIBACT

Anche l’APA può assoldare chiunque e prendere soldi ovunque: pertanto il cinema è morto ma le associazioni crescono. Evviva.

Michele Lo Foco

Generated by IJG JPEG Library

Autore dell'articolo: redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *