Chiusi i maggiori siti di streaming pirata con una inedita operazione anti-pirateria

Secondo quanto riportato da Variety e altri prestigiosi organi stampa di settore americani, il 31 Ottobre 2019 potrebbe essere ricordato come la riscossa contro la pirateria audiovisiva.

Openload, VeryStream e Streamango, tre tra i principali siti streaming che presentavano copie piratate di programmi TV come Game of Thrones e film come l’ultimo Rambo, hanno chiuso i loro servizi grazie ad un accordo stretto con una coalizione di studi di Hollywood e altre società di contenuti.

L’Alliance for Creativity and Entertainment, che comprende i membri della Motion Picture Association e altre società in tutto il mondo, ha affermato che i siti hanno anche concordato di pagare un “premio per danni significativi”. I termini non sono stati resi noti, ma ACE aveva perseguito un causa civile in Germania ed essa é stata risolta in via extra-giudiziale.

I tre siti erano utilizzati da milioni di visitatori. Secondo un rapporto pubblicato su TorrentFreak l’anno scorso, Openload, un sito di file hosting, era tra i primi dieci al mondo per traffico di video in streaming, davanti a Hulu. La società aveva più di 1.000 server in Romania, Francia e Germania e forniva contenuti video illegali in tutto il mondo, ha affermato ACE.

“Per anni nessuno era riuscito ad intraprendere azioni significative per fermare la diffusione del contenuto illegale e queste società pirata, danneggiando i creatori e inducendo in errore i consumatori”, ha affermato Charles Rivkin, presidente dell’MPA.

All’inizio di quest’anno, Openload aveva presentato episodi dell’ultima stagione di Game of Thrones trapelati in Germania diverse ore prima della messa in onda.

Autore dell'articolo: admin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *